A Cattolica “Vela senza differenze” con CIP e INAIL

E’ stato un weekend all’insegna dello sport, entusiamo e solidarietà quello trascorso da dieci infortunati INAIL che hanno preso parte al progetto “Vela senza differenze” organizzato dalla Direzione regionale INAIL Emilia Romagna e dal Comitato regionale Paralimpico (CIP) dell’Emilia Romagna, insieme alla Società affiliata “PURAVIDA” di Cattolica.

Da venerdì 4 a domenica 6 giugno dieci infortunati sul lavoro assistiti dalla Direzione regionale INAIL Emilia Romagna, hanno potuto partecipare a lezioni teoriche e uscite in mare sotto la guida del tecnico federale di Vela Fabio Vignudini. Il corso si è svolto presso il Centro Puravida di Marina di Cattolica, completamente accessibile ai disabili in carrozzina.

“Sono stata sorpresa dall’entusiasmo dei ragazzi – commenta Francesca Longhi, assistente sociale della Direzione regionale INAIL Emilia Romagna – dalla solidarietà che si è instaurata tra loro sia nella gestione della vita quotidiana in albergo, sia durante la lezione teorica che in barca a vela”. “Due dei dieci partecipanti erano stati dimessi da pochissimo dall’ospedale, uno dei due dopo un anno e mezzo di degenza e per loro si è trattato di una sfida con se stessi – continua la Longhi -. Un ragazzo, che aveva praticato vela nell’adolescenza con il padre ha affermato che per lui questo percorso costituiva un ritorno alla normalità”.

“Tra gli obiettivi del Comitato italiano paralimpico – dichiara Gianni Scotti, Presidente del CIP Emilia Romagna – c’è la promozione e diffusione capillare sul territorio della pratica sportiva tra le persone disabili. Compito del CIP è seguire il percorso di avvicinamento allo sport, curandone l’impatto e facilitando il dialogo, affiancando il disabile nel cercare di superare i propri limiti con l’aiuto dei tecnici e dei compagni di squadra o società, siano essi disabili o non. Il progetto ‘Vela senza differenze’ è un esempio dell’attività che il CIP svolge, anche grazie a convenzioni come quella preziosa con INAIL”.