Al via la settima edizione del Giro di Italia di handbike

Domenica 3 aprile parte da Crema la settima edizione del Giro d’Italia di handbike. Un centinaio gli atleti uomini e donne in gara, suddivisi in diverse categorie a seconda della classificazione delle disabilità. Al termine del Giro, saranno assegnate 10 maglie rosa: 5 agli uomini e 5 alle donne. Testimonial il volto noto della tv e del cinema Paolo Ruffini.

La nuova stagione del Giro d’Italia di handbike si svilupperà in 7 tappe, attraversando 4 regioni. Dopo il via nella cittadina della provincia di Cremona, toccherà il 10 aprile Castellanza (Varese), l’8 maggio Imola (Bologna), il 26 giugno Cesano Maderno (Monza e Brianza), il 9 luglio Fossano (Cuneo) e il 16 luglio Rivarolo Canavese (Torino), per concludersi il 18 settembre in riva al mare a Baia Domizia (Caserta).

Tutte le tappe si svolgeranno su circuiti ad anello, dai 3 ai 6 chilometri, all’interno dei centri cittadini. A Crema, Imola e a Baia Domizia il Giro d’Italia di handbike sarà accompagnato dal Paracycling Italian Tour, che comprende tutte le altre categorie del paraciclismo (tandem, tricicli e bici) e porterà all’assegnazione di 16 maglie rosa.

“Sette le tappe che abbiamo assegnato, come 7 sono le edizioni che festeggeremo quest’anno, una scelta non a caso quella del numero 7, numero che ha portato fortuna al nostro gruppo – dice il presidente del Giro d’Italia di handbike Walter Ferrari –. Affronteremo nuovi scenari, per questo abbiamo deciso di cambiare il nostro motto in ‘Voi al centro’. Proprio perché gli atleti saranno più protagonisti che mai in questo nuovo Giro d’Italia”.

“Due o tre ruote, il messaggio che passerà sarà uno solo: che fare sport da disabili è una grande avventura prima umana che sportiva, e che lo spirito di competizione non ha limiti e confini, come l’ambizione di chi si è iscritto volendo gareggiare ma sapendo, anche, di lanciare un forte messaggio di integrazione, lasciando un segno nello sguardo di chi assisterà alla gara”, aggiunge il presidente del Comitato paralimpico Luca Pancalli.