Da Anci e Credito sportivo 200 milioni di euro per lo sport

Campi di calcio, di tennis o di pallacanestro, piscine, palestre e persino piste ciclabili: sono 200 i milioni di euro messi a disposizione dal protocollo firmato dall’Anci e dall’Istituto per il credito sportivo per la costruzione, la ristrutturazione e il potenziamento di impianti sportivi.

Il protocollo ripropone un’iniziativa sperimentata già nel 2016, ovvero il bando “Sport missione Comune”, che lo scorso anno ha permesso di realizzare oltre 300 progetti in 19 regioni. Quest’anno la dotazione raddoppia, arrivando a 200 milioni di euro, divisi in due plafond.

Il primo plafond, di 100 milioni di euro, è offerto con mutui a tasso zero per consentire, entro la fine del 2017, l’ultimazione di progetti già in fase avanzata, per un massimo di due milioni di euro a ciascun progetto. Il secondo plafond, per altri 100 milioni di euro, verrà invece erogato a tasso agevolato agli enti locali e anche a privati nell’ambito di operazioni di partenariato pubblico-privato.

Il bando presta attenzione particolare ai territori di dimensioni contenute e lontani dai centri urbani: Comuni di aree interne e anche Unioni di Comuni, ovvero quegli enti che più di tutti hanno difficoltà a reperire le risorse necessarie per investire sullo sport. I finanziamenti, oltre che per gli impianti sportivi (anche scolastici), potranno essere destinati all’acquisto di attrezzature e alla realizzazione di piste ciclabili.

Il bando e tutte le informazioni utili sono disponibili sul sito dell’Istituto per il credito sportivo.