Il CIP incontra i candidati alla presidenza della Regione

Sport e disabilità, quale futuro in Emilia-Romagna? Giovedì 13 novembre alle ore 15.30, presso il Regency Savoia Hotel di Bologna (via del Pilastro 2), il consiglio regionale del Comitato paralimpico incontra i candidati alle prossime elezioni alla carica di presidente della Giunta della Regione Emilia-Romagna.

Al momento hanno dato conferma della loro presenza Giulia Gibertoni del Movimento 5 Stelle e Alessandro Rondoni della lista Emilia-Romagna Popolare sostenuta da Ncd, Udc e Ppe. A causa di impegni pregressi, non potrà esserci Stefano Bonaccini del Partito democratico: a sostituirlo, il candidato a consigliere Fulvio De Nigris.

“Vogliamo sapere dai candidati alla presidenza della Regione quale sia il loro impegno per promuovere lo sport paralimpico e abbattere quelle barriere, architettoniche e non solo, che ancora ne limitano la diffusione” dice Gianni Scotti, presidente del Cip regionale. “In Emilia-Romagna c’è infatti ancora molto da fare – continua –. Basti pensare, e questo è solo un esempio, che da Piacenza a Bologna non riusciamo a trovare a noleggio un solo pullman attrezzato per il trasporto dei nostri atleti, ce ne sono solo in Romagna”.

All’incontro, a cui saranno presenti anche presidenti e delegati regionali delle federazioni paralimpiche e degli enti di promozione sportiva, il Cip dell’Emilia-Romagna illustrerà ai candidati i progetti attivati nel territorio regionale, tra cui quelli di rieducazione attraverso lo sport rivolti agli assistiti e ai pazienti dell’istituto riabilitativo di Montecatone, del Centro protesi Inail di Vigorso di Budrio e del Centro San Giorgio di Ferrara.

“Per chi nasce con una disabilità o per chi la acquisisce dopo un infortunio sul lavoro, un incidente o una malattia – conclude Gianni Scotti –, lo sport permette di migliorare il benessere e la qualità della vita a 360 gradi, facilitando l’integrazione, l’autonomia e l’affermazione personale”.

La riunione del consiglio regionale del Cip sarà anche l’occasione per la consegna dei contributi assegnati da “Diamo luce alle stelle”, il progetto realizzato insieme all’Inail a supporto delle società sportive dell’Emilia-Romagna che operano con disabili da lavoro di alto livello a disciplina individuale.