Paraclimbing, 3 medaglie mondiali per gli atleti dell’Emilia-Romagna

Grande prestazione degli atleti emiliano-romagnoli alla Coppa del mondo di paraclimbing 2017, che si è tenuta a Edimburgo il 23 e 24 settembre. Unici azzurri ad andare a medaglia, i paraclimber dell’Emilia-Romagna hanno portato a casa un oro nella categoria B2 maschile con Matteo Stefani e un argento e un bronzo nella categoria B3 femminile con Martina Pellandra e Alessandra Mammi. Buona anche la prova di Giulio Cevenini, quinto nel B2 maschile.

Il bolognese Matteo Stefani ha dominato la categoria B2 maschile (ipovedenti gravissimi): ha concluso in prima posizione il primo turno di qualificazione e ha raggiunto la seconda piazza nel secondo, alle spalle dello statunitense Justin Salas, autore di una rimonta che lo ha portato dall’ottavo al momentaneo primo posto. Stefani ha però avuto ragione dell’americano in finale, distanziandolo di 8 lunghezze (32 a 24). Nella stessa gara, quinto posto per Giulio Cevenini, anche lui bolognese, con 20 punti.

Sono poi due le azzurre sul podio della categoria B3 femminile (ipovedenti lievi), con l’argento della bolognese Martina Pellandra e della modenese Alessandra Mammi. Le paraclimber della nazionale Fasi (Federazione arrampicata sportiva italiana) sono state precedute in finale dalla slovena Tanja Glusic, oro con 32 punti contro i 18 di Pellandra e i 15 di Mammi. Le azzurre sono sempre state nelle prime posizioni: dopo aver concluso il primo turno di qualificazione seconde a pari merito, hanno occupato le prime due piazze al termine del secondo (Pellandra 12, Mammi 11), prima di essere superate in finale dalla portacolori della Slovenia.