A Piacenza una giornata di sport e integrazione

Venticinque classi, cinquecento studenti, nove discipline paralimpiche: è stata una giornata all’insegna dello sport e dell’integrazione quella andata in scena al polo scolastico di via Negri a Piacenza per la manifestazione “Prova con noi”, organizzata dal delegato del Cip Franco Paratici insieme al liceo scientifico sportivo Respighi.

La manifestazione, che ha avuto i patrocini del Comune di Piacenza e del Coni point piacentino, ha permesso agli studenti del Liceo e a quelli della scuola media Dante-Carducci, dell’istituto Romagnosi-Casali e dell’istituto Tramello, di conoscere e provare diverse discipline, dall’handbike al tiro con l’arco, grazie all’intervento dei docenti del Respighi e degli istruttori del Cip.

“Come liceo sportivo – ha spiegato Fabio Bastiani, coordinatore del dipartimento di educazione fisica del Respighi, in un’intervista al giornale Libertà – è la prima volta che organizziamo questa manifestazione, anche se da tempo collaboriamo con il Cip, partecipando a varie iniziative. Lo scopo di ‘Prova con noi’ è quello di far vedere le possibilità che lo sport paralimpico offre agli atleti disabili e al contempo mostrare agli atleti normodotati l’altra faccia dello sport. I ragazzi sono stati molto bravi, partecipando con grande interesse e curiosità”.

L’iniziativa rientra nel “Progetto scuola” del Cip, che coinvolge le classi in cui sia presente uno studente con disabilità. “Per la prima volta – ha aggiunto Franco Paratici – viene organizzata questa manifestazione, che a mio avviso è andata molto bene. Lo scopo è creare interesse nelle scuole per le discipline sportive paralimpiche. Il valore aggiunto rispetto alla pratica sportiva è senza dubbio l’integrazione”.

Ma come va lo sport paralimpico a Piacenza? “Il discorso è migliorato ed è stato un po’ più capito dalle società sportive; per esempio, il Piacenza e il Gossolengo hanno una propria squadra calcistica di atleti disabili. Complessivamente, gli atleti paralimpici sul territorio piacentino sono circa 300, un numero in crescita rispetto agli anni scorsi e formato più o meno in parti uguali da giovani e adulti. A livello scolastico, partendo dalle elementari per arrivare alle superiori, il numero di ragazzi disabili sul territorio piacentino supera quota mille (1.053)”.

Photo credit: Piacenzasera.it