Sport, entro l’estate la nuova legge regionale

Associazioni direttamente coinvolte nella gestione degli impianti sportivi, in una regione, l’Emilia-Romagna, che conta 800mila iscritti a enti di promozione sportiva, quasi 370mila atleti aderenti alle federazioni e circa 3 milioni di praticanti. Un protagonismo dal basso previsto nella nuova legge regionale sullo sport, che sarà approvata entro l’estate, il cui iter inizierà con il varo del progetto di legge da parte della Giunta da qui a maggio. Lo ha annunciato il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, Andrea Rossi, al convegno “Una regione a misura di sport”, svoltosi sabato 16 aprile a Bologna nella terza torre della Regione.

L’incontro, cui ha partecipato il presidente della Regione con delega allo sport, Stefano Bonaccini, ha messo a confronto personaggi del mondo sportivo e rappresentanti istituzionali emiliano-romagnoli. Il sottosegretario Rossi, aprendo i lavori, ha specificato che la nuova legge “assorbirà tra l’altro l’attuale normativa regionale sull’impiantistica sportiva, rafforzando la gestione da parte delle associazioni locali, incentivando gli investimenti attraverso un fondo di garanzia e dando piena applicazione alla legge Balduzzi sui defibrillatori”.

“Con la nuova legge regionale intendiamo coinvolgere le tantissime associazioni, polisportive, società che fanno sport in Emilia-Romagna, terreno di crescita e dello stare insieme – ha sottolineato il presidente Bonaccini –. Ma sport per noi è anche sicurezza: per questo abbiamo deciso uno stanziamento di 100mila euro per acquistare tanti defibrillatori che metteremo a disposizione dei Comuni. Decideranno loro come metterli a disposizione delle realtà sportive e associative, per prevenire ed evitare drammi che nulla devono avere a che fare con i giovani e gli atleti, con il mondo dello sport”.

Con la nuova legge regionale sarà istituita una Conferenza permanente dello sport con il coinvolgimento delle associazioni e degli enti locali. Come ha spiegato Rossi, la Giunta intende “mettere gli investimenti per lo sport al centro delle politiche regionali”. L’obiettivo dichiarato è investire 20 milioni di euro nell’intera legislatura per migliorare l’impiantistica e gli spazi sportivi del territorio emiliano-romagnolo. La Regione nel 2015 ha stanziato e concesso 5 milioni di euro nello sport (più 50% rispetto al 2014). Nel 2016, sono già stati stanziati 4 milioni in un bando volto alla concessione di contributi per la costruzione, la ristrutturazione e la messa a norma di impianti sportivi utilizzati dalle scuole e 1 milione per la ricostruzione degli impianti sportivi danneggiati o distrutti dalle abbondanti piogge che hanno colpito in particolar modo il territorio piacentino nel settembre 2015 e dalle frane dell’entroterra ravennate del febbraio dello stesso anno.

Il Programma regionale triennale per l’impiantistica e per gli spazi sportivi 2015-17 varato dalla Giunta e dall’Assemblea legislativa, è rivolto agli oltre 16 mila impianti per lo sport e agli “spazi elementari di attività” in Emilia-Romagna, realizzati per la maggior parte (il 77%) prima del 1990.