Agli Europei di nuoto di Eindhoven due medaglie all’Emilia-Romagna

A poche ore dal via, agli Europei di nuoto che si stanno tenendo in Olanda già fioccano le medaglie: il medagliere, dove l’Italia occupa il sesto posto (prima e irraggiungibile l’Ucraina con 22 medaglie), parla di tre ori, un argento e due bronzi.

Sul gradino più alto del podio, prima Ariola Trimi nei 100 stile libero S4, con il tempo di 1’33”89, poi oggi Cecilia Camellini, atleta modenese, nei 100 dorso S11 (1’23”32). Tornata a gareggiare a livello internazionale dopo una lunga pausa, durata quasi due anni (due ori e due bronzi ai Giochi Paralimpici di Londra 2012 ) la campionessa indiscussa Cecilia Camellini torna alla conquista del podio salendo nel gradino più alto. Questa mattina allo Swimming Stadium di Eindhoven l’emiliana stravince sulla lunghezza dei 100 dorso S11 con il tempo di 1’23”32 lasciando la bocca amara alla tedesca Daniela Shulte arrivata seconda (1’23”84) e all’ucraina Maryna Piddubna (1’25”77).

Ma a stretto giro, dopo l’oro di Cecilia, è arrivato quello del varesino Federico Morlacchi, mai sazio di podi internazionali. Per lui nei 400sl S9, il crono di 4’18”34, quasi 5 secondi in anticipo sul secondo il croato Vincetic. Terzo, il portoghese Grachat (+8.27).

Stamattina, è stata anche la prima volta sul podio di Giulia Ghiretti, atleta di Parma, che ha chiuso con una medaglia d’argento, la sua prima individuale, la gara dei 100 rana SB4 (tempo 2.00.27), confermando la sua crescita agonistica. Ed è finalmente arrivata anche la medaglia per Efrem Morelli, dopo una serie di piazzamenti a ridosso del podio. Il nuotatore bresciano ha conquistato il bronzo sempre sui 100 rana SB4 con il crono di 1.49.44. Bronzo anche per Arianna Talamona, in esordio ieri, nei 400sl. L’atleta bresciana ha chiuso 5’45’’29,un tempo che le permette anche di registrare il suo nuovo record Italiano (il precedente (5’46’’90) prima di lei l’inglese Rodgers Susannah (5’22”74) seguita dalla russa Guseva Oxana (5’40”87).

Soddisfatto il presidente del Cip (Comitato italiano paralimpico) dell’Emilia-Romagna dove sono tesserate le giovani sportive: “Un grande successo per le nostre atlete, e per tutto lo sport paralimpico – esulta Gianni Scotti –. E questo è solo l’inizio”.