Sport per tutti: il Cip a Exposanità

Sport per tutti da vedere e da praticare, con prove libere, allenamenti, partite e torneo, e poi anche un convegno sugli strumenti per facilitare l’accesso allo sport. È fitto di appuntamenti “made in Cip Emilia-Romagna” il programma di Exposanità, la mostra internazionale al servizio della sanità e dell’assistenza, a BolognaFiere da mercoledì 18 a sabato 21 aprile.

Il Comitato paralimpico regionale occuperà in forze il padiglione 22 del salone Horus, quello dedicato a “prodotti, servizi, iniziative per la disabilità, l’ortopedia, la riabilitazione”. Qui, oltre a una postazione del Cip (stand C88), è stata allestita una vera cittadella dello sport, con 11 aree per altrettante discipline sportive. I visitatori potranno assistere a gare e tornei  e cimentarsi in prima persona in arrampicata, basket, calcio balilla, handbike, scherma, tennis tavolo, tiro a segno, tiro con l’arco, sitting volley, bocce e danza sportiva.

Durante le 4 giornate saranno presenti tantissimi atleti paralimpici: da Eleonora Sarti e Fabio Azzolini del tiro con l’arco ai campioni italiani in carica di arrampicata e danza sportiva, dall’olimpico nell’handbike Vittorio Podestà allo schermitore Emanuele Lambertini, fino alle nuotatrici Cecilia Camellini e Giulia Ghiretti.

Giovedì 19 aprile, dalle ore 14.30 alle 16.30, nella sala Scarlatti del padiglione 22 si tiene il convegno per presentare l’app SportER (sugli impianti accessibili e le società sportive accoglienti in Emilia-Romagna) e il progetto che porterà consulenti paralimpici all’interno delle Case della salute, a cui sta lavorando il Cip Emilia-Romagna in collaborazione con le istituzioni regionali.

Tra gli altri parteciperanno al convegno la presidente del Comitato paralimpico regionale Melissa Milani, il dirigente medico Roberto Piperno e l’architetto e vigile del fuoco, esperto di accessibilità, Stefano Zanut.

Il biglietto di ingresso a Exposanità costa 25 euro (ridotto 15 euro se acquistato online) ed è valido per visitare la manifestazione in tutte e quattro le giornate. Gli accompagnatori delle persone con disabilità (massimo 2 per persona) hanno diritto a un ingresso omaggio.