Tennis, a Ferrara il primo torneo internazionale InsideOut

Lavorare per strutturare attività ed iniziative che con maggiore continuità aprano il mondo dello sport alle persone con disabilità, anche intellettiva: è questo il messaggio lanciato nel corso della conferenza stampa di presentazione del primo torneo internazionale di tennis Inside Out, in programma dal 3 al 5 settembre presso le strutture del Centro sportivo universitario di via Gramicia.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il presidente del Cus Ferrara Giorgio Tosi con il responsabile della sezione Tennis Pierangelo Turatti, l’assessore comunale allo Sport Simone Merli, il presidente del CIP regionale Gianni Scotti, il presidente del Coni di Ferrara Luciana Pareschi, il presidente regionale Fisdir Alessandro Grande e la presidente dell’associazione InsideOut Ilaria Bosellini.

Al torneo si confronteranno oltre 50 atleti in arrivo da Italia, Polonia, Repubblica Ceca e Francia: un successo di partecipazione per questa prima edizione, ma c’è chi guarda già avanti come l’assessore Merli: “L’impegno che confermo anche oggi come Comune di Ferrara dovrà portare a una edizione 2015 ancora più grande e importante, per riuscire a cambiare culturalmente l’immagine che abbiamo del rapporto tra sport e disabilità”.

Un impegno raccolto da tutti i soggetti presenti al tavolo, a partire da Ilaria Bosellini, che vede nello sport “uno strumento potente di integrazione. Non vogliamo fermarci né a questa prima iniziativa né al solo tennis, ma estendere ad altri momenti e sport la nostra azione”. La presidente di InsideOut ha voluto anche ringraziare in modo particolare il Cus “per aver creduto fortemente e sin da subito in questa iniziativa, che all’inizio sembrava solo un sogno irrealizzabile, e gli sponsor – Monte dei Paschi, Toyota, Vetroresina e Link Tours – che hanno voluto sostenerla e renderla possibile”.

Il presidente regionale del CIP Gianni Scotti ha rimarcato il forte supporto ad iniziative che puntino ad allargare la pratica sportiva a favore delle persone con disabilità all’interno dei centri di riabilitazione, delle scuole e dei centri sportivi, mentre Luciana Pareschi e Alessandro Grande hanno sottolineato l’importanza di un allargamento del numero delle strutture che – al pari del Cus – credano sempre più nella promozione dell’attività sportiva quale strumento di educazione alla diversità e di miglioramento del benessere delle persone.

L’avvio del torneo è previsto per la mattinata di mercoledì 3 settembre. Gli incontri singolari e doppi maschili e femminili saranno arbitrati dai ragazzi del settore giovanile del Cus Tennis e dal giudice Raffaele Rubini. Le finali si terranno nel pomeriggio di venerdì 5, con a seguire – intorno alle ore 18 – la cerimonia di premiazione.

Per tutte le informazioni e il programma del torneo si può visitare il sito www.insideoutaps.org.