Terzo oro per Alex Zanardi nel paraciclismo

Grande successo per la spedizione azzurra che ha dominato i Mondiali di paraciclismo di Nottwil, in Svizzera, passaporto per le Paralimpiadi di Rio 2016. L’Italia ha chiuso con 15 medaglie: 9 ori, 1 argento e 5 bronzi. Dominatore assoluto Alex Zanardi, che è salito sul gradino più alto del podio nelle gare staffetta, cronometro e strada, bissando il tris ottenuto nel 2013 a Baie-Comeau, solo sfiorato l’anno scorso a Greenville per l’argento nella gara su strada. Il primo oro per l’atleta bolognese è arrivato mercoledì 29 luglio con Luca Mazzone e Vittorio Podestà: il team, partito favorito, ha vinto la staffetta in 31’13”, precedendo gli Stati Uniti di 1’11” e la Svizzera di 1’32”.

Gli azzurri hanno dedicato la medaglia alla famiglia di Chiara Pierobon, la ciclista di 22 anni che ha perso la vita mentre era in Germania per partecipare allo Sparkassen Giro, settima prova di Coppa del Mondo UCI. Venerdì 1 agosto, nella cronometro, Alex Zanardi ha coperto i 15,5 km del percorso con una media stratosferica di 32,65 kmh, che gli ha permesso di mettersi al collo la medaglia iridata. Nell’ultima giornata, domenica 2 agosto, il bolognese ha raggiunto la sua personale – ennesima – tripletta vincendo in volata la prova su strada (tre giri di un circuito con due salite lunghe con pendenze fino al 12%) di 46,5 km in 01:29:21.